Sotto alla calotta del ghiacciaio Vatnajökull sono presenti aree vulcaniche attive che periodicamente danno origine ad eruzioni.

Nel 1996, una delle più terribili eruzioni riguardò il vulcano Grímsvötn e diede origine ad un’immensa valanga che colpì la ragione dello Skeiðarársandur.

Il calore del vulcano causò lo scioglimento dello strato inferiore della calotta glaciale.

L’acqua si accumulò inizialmente all’interno della caldera, poi straripò aprendosi una via sotto i ghiacci in direzione sud. Si calcola che la portata della jökullhlaup, in islandese l’alluvione derivante dalla rottura di un serbatoio d’acqua glaciale, ammontasse a 50.000 m³/s.

La valanga investì la pianura dello Skeiðarársandur con un fronte di ben 27 km, trasportando con sé detriti morenici e iceberg e travolgendo ogni cosa.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.