Le truppe americane che si erano stanziate in Islanda durante la seconda guerra mondiale si ritirarono nel 1946, ma mantennero una base a Keflavík nell’eventualità di una nuova guerra.

Nel 1949, dopo un periodo di proteste, l’Islanda entrò a far parte della NATO, anche se ottenne di non partecipare ad azioni offensive e di non ospitare basi militari in tempo di pace. In quest’occasione la base di Keflavik venne abbandonata.

Nel 1950, in occasione della guerra di Corea, gli americani tornarono a Keflavík e da allora utilizzarono l’Islanda come avamposto per controllare l’URSS durante la guerra fredda. Nonostante le proteste degli islandesi, la base è stata definitivamente smantellata solo nel 2006.

Consulta la storia della base di Keflavík

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.