Eiríkur hinn Rauði, Eric il Rosso, era uno dei vichinghi giunti per primi in Islanda. Esiliato anche da questo paese, egli partì con 500 uomini e intraprese un viaggio verso ovest. Nell’897 sbarcò in Groenlandia e vi fondò il primo stanziamento europeo.

Da qui il figlio di Eiríkur, Leifur Heppni, Leif il Fortunato, raggiunse Helluland, la terra delle pietre piatte, Markland, la terra dei boschi, e Vinlan, la terra del vino. Si trattava probabilmente dell’isola di Baffin, di Terranova e del Labrador. Qui tentò di fondare una colonia ma si scontrò con i nativi, gli skrælingar, e dovette ripartire.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.