Il pesce, sia di mare che d’acqua dolce, è un alimento fondamentale nella dieta degli islandesi. Sulle tavole si incontrano svariati tipi di pesce, ma il posto d’onore spetta allo squalo, la cui carne viene consumata accompagnata da un bicchierino di liquore ed è considerata una vera prelibatezza.

Le portate possone essere a base di Ýsa (eglefino), Bleikja (salmerino artico), Skötuselur (rana pescatrice), Lúða (halibut), Steinbítur (pesce gatto), Sandhverfa (rombo), Sild (aringa), Skarkoli ( platessa), Skata (razza), Silungur (trota), Lax (salmone selvatico o d’allevamento), Leturhumar (scampi).

Sui menu possiamo anche trovare l’indicazione di queste specialità: Þorskur: è il filetto di merluzzo ed è curioso sapere che un tempo gli islandesi consumavano di questo pesce solo la lingua e le guance, mentre esportavano il resto Harðfiskur: sono strisce di eglefino essiccato all’aria aperta e servito col burro come spuntino

Hákarl: consiste in carne di squalo groenlandese putrefatto.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.