I vulcani in Islanda assumono forma di sistemi in cui possiamo trovare coni, crateri, spaccature. In alcuni casi il magma fuso si trova sotto un sottilissimo strato di crosta, molto vicino alla superficie.

Uno dei vulcani più temibili è l’Hekla, considerato nell’antichità la porta dell’inferno. Il suo nome significa “cappuccio“, perchè la cima è perennemente ricoperta da una calotta di neve e ghiaccio. Esso erutta circa ogni 8 anni.

L’ultima eruzione si è avuta il 26 febbraio 2000, un’altra è prevista quindi entro la fine del 2009. Alcuni eventi sismici, tra cui uno con epicentro a soli 5 km di profondità e intensità 6.3 della scala Richter, hanno già preannunciato l’evento.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.