Pur essendo una regione sperduta, val la pena raggiungere i Fiordi Occidentali in inverno per cogliere appieno l’atmosfera dell’inverno subartico islandese.

Le montagne intorno a Ísafjörður stendono la loro ombra sulla città da dicembre a gennaio, tanto da impedire il passaggio dei raggi solari.

Per questo motivo il 23 gennaio gli abitanti accorrono tutti alla Sólgata, la via del sole, celebrando il primo breve ritorno della luce verso mezzogiorno.

Questa festa è anche l’occasione per incontrarsi, scambiarsi pareri, consumare dolci e caffè ed accogliere insieme le prime avvisaglie della primavera. Ísafjörður in inverno è raggiungibile anche con voli giornalieri in partenza da Reykjavík.

Nei dintorni della città sono aperti impianti sciistici da gennaio a Pasqua.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.