Cosa accomuna l’Islanda all’Italia? Forse più di quanto si pensi, ma un elemento in particolare ha colpito l’assessore all’Economia della Regione Veneto, Vendemiano Sartor: lo sviluppo della produzione di energia pulita grazie alla grande disponibilità di sorgenti geotermiche.

In effetti, l’Islanda è il primo Paese europeo autosufficiente in termini di energia, grazie al sapiente utilizzo del prezioso potenziale geotermico e idrico presente sull’isola. In questo periodo in cui l’Occidente è in balia delle altalene petrolifere, il vantaggio è certamente economico, ma non solo.

E’ indubbio che il calore del sottosulo e l’abbondanza d’acqua, sfruttati in modo adeguato e limitandol’impatto ambientale, siano la soluzione ideale per azzerare l’inquinamento da emissioni e nel contempo sopperire al fabbisogno energetico.

E possiamo dire che il Paese dei ghiacci è all’avanguardia in questo settore. Perchè dunque non seguire l’esempio?

L’ idea è che la notevole presenza di acque termali in Veneto, se ben gestita, possa soddisfare non solo esigenze di tipo clinico e turistico, ma anche gran parte della richiesta di energia. Il solo bacino euganeo, con un’ estensione di 23 Km quadrati, risulta essere il più grande del mondo con tempeartura pressochè omogenea.

La Regione Veneto, che già ha investito molto in progetti di bioedilizia, sta ora studiando un piano che dia ampio spazio allo sfruttamento di energie rinnovabili, ecocompatibili e convenienti sul piano economico, coordinando gli interventi nei vari Comuni e tenendo conto delle caratteristiche specifiche delle diverse zone.

Lo stasso Sartor,il 24 ottobre scorso, ha voluto esporre il cammino intrapreso dalla Regione Veneto ad una delegazione islandese in visita a Padova, con l’auspicio che una collaborazione tra Islanda e Veneto possa dare impulso allo sfruttamento di energie pulite e rinnovabili quali, appunto, la geotermia.

Consulta anche queste fonti:

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.