Johanna Sigurdardottir, ex hostess della compagnia aerea di bandiera islandese, ministro degli affari sociali per il governo uscente e membro del partito socialdemocratico, è stata nominata premier del governo di transizione in Islanda.

La sua figura ha ottenuto anche l’approvazione dei verdi e del Partito del Progresso, che sosterrà esternamente il governo. A 66 anni, la Sigurdardottir risulta essere oggi il politico più popolare in Islanda.

Detiene il 73% delle preferenze, nonostante la crisi che ha travolto il governo di cui anche lei faceva parte, e potrebbe essere riconfermata dalle prossime elezioni. Ma l’incarico ottenuto la pone sotto i riflettori anche per altri motivi: è la prima donna premier della storia in Islanda e il primo capo di governo dichiaratamente gay al mondo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.