Reykjavík rimase solo una delle tante fattorie d’Islanda fino alla metà del XVIII secolo, quando, Skúli Magnússon aprì una fabbrica tessile che, oltre a tingere lana e farne tessuti, produceva anche corde.

L’insediamento dell’opificio diede impulso alla comunità che crebbe di numero e divenne un municipio nel 1786.

Lentamente, man mano aumentavano i servizi governativi ed ecclesiastici legati al villaggio, esso si trasformava giungendo a contare 5000 abitanti agli inizi del ‘900 e attirando popolazione da ogni zona d’Islanda soprattutto dopo la II guerra mondiale.

Ora Reykjavík conta 117.720 abitanti, il 38% della popolazione totale dell’Islanda.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.