Dall’arrivo di Ingólfur Arnarson, il numero di coloni in Islanda iniziò a crescere notevolmente. Inizialmente gli accordi fra i vari proprietari terrieri, divenuti signori di intere regioni, avvenivano a livello territoriale.

In seguito però fu necessaria un’organizzazione superiore e, memori della tirannia dalla quale erano scappati, gli islandesi diedero vita al primo parlamento democratico europeo, se non addirittura mondiale: l’Alþing.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.