La richiesta dell’Islanda di adesione all’U.E. ha suscitato approvazioni ma anche critiche. In effetti la spaccatura nel paese e all’interno del parlamento stesso sulla questione potrebbero far pensare che più che animati da spirito europeo gli islandesi vogliano semplicemente trovare una via di fuga alla crisi economica.

Qualcuno allora inizia a chiedersi quanto convenga all’Europa accogliere l’Islanda, viste già le difficoltà avute con alcuni paesi dell’Est, e ricorda che l’UE, prima ancora che comunità economica vuole essere un’unione politica e giudiziaria.

Da ricordare è invece che l’Islanda è un paese altamente democratico, che già in buona parte è in linea con le politiche europee e che la sua situazione storica, politica e sociale è ben diversa rispetto a quella dell’Europa orientale.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.