Gli ástarpungar sono delle frittelle sferiche preparate con uva sultanina, conosciute in tutta l’Islanda e particolarmente gradite ai ragazzi. A questo dolce però è legata una leggenda alquanto singolare.

Letteralmente ástarpungar significa “palle dell’amante”. Si dice che nei tempi trascorsi un islandese avesse preso in moglie una donna molto bella ma piuttosto libertina.

Scovandola una sera con un amante, accecato dalla gelosia, decise di vendicarsi. Il giorno seguente si recò a casa del rivale, lo uccise e lo privò dei testicoli.

Una volta rientrato a casa li avvolse in una pastella dolce, li fece friggere e li servì all’ignara moglie.

Ecco la ricetta originale per cucinare dei deliziosi ástarpungar islandesi.

Ingredienti:

  • 4 bicchieri di farina bianca
  • 1 bicchiere di zucchero
  • 4 cucchiai da the di lievito
  • 2 uova
  • 1 bicchiere e mezzo di latte
  • uva sultanina a piacere
  • essenza di vaniglia

Procedimento: Unire farina, zucchero, lievito e uva sultanina, aggiungere le uova, il latte, l’essenza di vaniglia e impastare. Ricavare delle palline utilizzando due cucchiai da the. Friggere in olio vegetale facendo attenzione che non si scaldi troppo. Quando le frittelle avranno assunto un bel colore bruno, disporre su carta da cucina assorbente.

Possono essere servite ancora calde o fredde e cosparse a piacere di zucchero a velo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.